Fino a che altezza dovresti rivestire il tuo bagno? Ecco qui le possibilità ↓

Fino a che altezza dovresti rivestire il tuo bagno? Ecco qui le possibilità ↓

Se devi ristrutturare il tuo bagno forse te lo sei già chiesto: fino a che altezza devo rivestire le pareti?
Prima o poi anche tu dovrai rispondere a questa domanda, che pare capace di togliere il sonno.

In preda alla sete di sapere chiederai consiglio a genitori, amici, impresa edile, piastrellista…

Ognuno ti dirà il suo punto di vista.

In questo articolo ti racconto il mio, mettendoti in mano delle informazioni che mi auguro ti saranno di aiuto quando verrà il momento di rifare il bagno.

Buona lettura! 

Altezza dei rivestimenti in bagno: esiste una normativa?

Questo dovrebbe essere il punto di partenza.

In realtà non lo è quasi mai, soprattutto nelle ristrutturazioni.

Il documento di riferimento è il Regolamento Edilizio del comune (il comune dove si trova il bagno, ovviamente) che fissa delle regole per tutte le unità abitative.

Prendiamo come esempio quello del comune di Padova.

Attualmente questo è ciò che recita in merito ai rivestimenti del bagno:

normativa-altezza-rivestimenti-pareti

Hai letto? Superficie impermeabile e lavabile.
E’ scontato che il pensiero vada alle piastrelle, quindi le pareti dovrebbero essere rivestite almeno fino ad 1,80 metri di altezza.

Ma è sempre così?
No, non lo è (mi riferisco alle ristrutturazioni, le nuove costruzioni sono un mondo a parte).

Vero anche che oggi alcuni bagni sono quasi completamente rivestiti in resina.
E anche la resina è impermeabile e lavabile…

Come interpretare il regolamento?

Risposta: al momento della ristrutturazione del  bagno nessuno ti parlerà di regolamenti e normative sull’altezza dei rivestimenti.

Questo accade in oltre il 90% dei casi, indipendentemente dal tuo referente (geometra, interior designer, impresario che si occuperà dei lavori…).

I motivi sono diversi:

◼︎ non sempre i regolamenti sono espliciti (non a caso ho parlato di “interpretare”);
◼︎ a volte i tecnici comunali non hanno le idee chiare sulla normativa (i geometri, gli ingegneri…lo sanno bene);
◼︎ non ti viene accennato alla normativa per non confonderti ulteriormente;
◼︎ il tuo referente ne sa meno di te;

banner-amazon-prodotti-casa

Altezza dei rivestimenti in bagno: hai 4 possibilità 

L’unica cosa che sai è che vuoi rifare il bagno e cerchi consigli su come rivestirlo.
Vediamo quali possibilità hai a tua disposizione.

POSSIBILITÀ #1: FINO AL SOFFITTO

altezza-piastrelle-bagno-fino-soffitto
La prima possibilità è quella di rivestire le pareti fino all’altezza del solaio (quindi 2,70 mt. o più).
In passato questa era quasi una regola.

Col tempo le tendenze sono cambiate e oggi molte persone non ne vogliono sentir parlare di piastrelle sino al soffitto.

Soprattutto su bagni di piccole-medie dimensioni.

Alcuni locali invece (come quello nella foto) hanno stile e dimensioni tali da sembrare perfetti per essere rivestiti in questo modo.

C’è da dire che se ricopri completamente il tuo bagno rimarrà solo il soffitto con il muro scoperto: un vantaggio quando verrà il momento di ritinteggiare la stanza.

POSSIBILITÀ #2: FINO ALLA PORTA

altezza-rivestimenti-bagno-fino-porta
Forse è la scelta più diffusa.
Rivestire ad altezza porta vuol dire coprire dai 2 ai 2,20 metri di altezza.

Se hai intenzione di “movimentare” le pareti puoi sempre utilizzare delle cornici e delle greche, in modo da interrompere la tinta unita dei rivestimenti.

POSSIBILITÀ #3: METÀ PARETE

altezza-rivestimenti-bagno-metà-parete

Rivestire fino a metà parete (1,20÷1,30 mt di altezza circa – o poco più) è una moda che ha preso piede negli ultimi anni.

Se ci stai pensando anche tu è perché forse sei stufo di vedere mattonelle sino al soffitto, e vuoi cambiare completamente look al tuo bagno.

Tuttavia il motivo di questa scelta potrebbe essere diverso.

Magari il tuo bagno è molto piccolo, come quello qui sotto:

In casi come questi lasciare tanto spazio bianco “inganna” l’occhio, che percepisce un locale più grande di quanto non sia in realtà.

Ovviamente la zona della doccia viene comunque rivestita sino a 2 metri di altezza, per via degli schizzi d’acqua.

POSSIBILITÀ #4: SOLO IN ALCUNI PUNTI

altezze-piastrelle-bagno

Se vuoi ridurre al minimo l’uso dei rivestimenti, questa è la soluzione adatta.

Ad essere coperte saranno sicuramente la zona della doccia (o vasca) e quella del lavabo, ovvero le più rischiose in termini di schizzi d’acqua.

Sono sincero: al momento ho visto pochi bagni rivestiti in questo modo.

banner-amazon-prodotti-casa

Altezza dei rivestimenti in bagno: qual é la scelta giusta?

Non c’è una scelta giusta ed una sbagliata.

Dipende tutto dal tuo bagno.

Se sei molto indeciso ti scrivo qualche considerazione che potresti fare, così da arrivare alla risposta che stai cercando:

◼︎ ho un bagno grande o piccolo? (per “piccolo” intendo sotto i 4 mq)
◼︎ ho un bagno stretto e lungo?
◼︎ come è esposto il mio bagno? (ha una buona luce naturale oppure no?)
◼︎ che stile vorrei ottenere? (in base allo stile trovi rivestimenti specifici)

Questi sono dei buoni punti di partenza su cui riflettere per avvicinarsi ad una decisione. 😉

Credo che il segreto sia tutto qui, perché non può esserci una soluzione “standard” per tutti i bagni.

Se hai delle domande lascia pure un commento, ti risponderò molto volentieri.

Se l’articolo ti è stato di aiuto ti chiedo di condividerlo e di seguirmi su Facebook o su YouTube.

A presto!
Lorenzo

rifacimento-bagno-padova-e-venezia

Fino a che altezza dovresti rivestire il tuo bagno? Ecco qui le possibilità ↓ 2017-06-09T17:16:58+00:00 Lorenzo

Lascia un commento

Torna su
Ristrutturazione bagno

×