Cartongesso ignifugo: che cos’è, come riconoscerlo, dove puoi utilizzarlo?

Cartongesso ignifugo: che cos’è, come riconoscerlo, dove puoi utilizzarlo?

In questo articolo ti parlerò del cartongesso ignifugo e della sua capacità di resistere al fuoco. Vedremo come riconoscerlo, come è composto e dove puoi utilizzarlo.

Iniziamo!

Cartongesso ignifugo: a cosa serve e come è composto

Il gesso ha tante proprietà, e tra queste c’è anche una naturale capacità di resistere al fuoco.

Durante un incendio le molecole d’acqua presenti nella struttura cristallina del gesso, evaporano.

Un’evaporazione che richiede tempo e che rallenta l’avanzamento delle fiamme.

Durante questo processo si forma inoltre uno strato di cartongesso disidratato che agisce da isolante, perché l’aumento di porosità significa minore conduzione termica rispetto al gesso allo stato “normale”.

Il cartongesso ignifugo, rispetto a quello tradizionale, ha una marcia in più quando si parla di protezione dal fuoco.

Le lastre ignifughe sono composte infatti da gesso e altri materiali come vermiculite, perlite e fibre di vetro (dipende dal prodotto che sceglierai).

Perché proprio questi materiali?
Perché sono tutti incombustibili e possiedono una grande resistenza alle alte temperature.

Come puoi riconoscere il cartongesso ignifugo?

Riconoscere queste lastre non è difficile.

Qualcuno, frettolosamente, ti potrebbe dire che basta acquistare le lastre di colore rosa.

Effettivamente in commercio ci sono lastre ignifughe di colore rosa.

Tuttavia basarsi solo sul colore è troppo riduttivo, perché ci sono lastre che hanno altri colori (dipende dall’azienda che le produce).

Il sistema corretto è quello di dare un’occhiata alla scheda tecnica.

Nella scheda è riportata la classe (euroclasse) di reazione al fuoco del materiale (vedi quella qui sotto, come esempio):

cartongesso-ignifugo-scheda-tecnica

Nel caso del cartongesso ignifugo le classi possibili sono A1 e A2, ovvero quelle che comprendono i materiali incombustibili (come ad esempio la fibra di vetro).

La classe di appartenenza viene assegnata in base a delle proprietà come la non-combustibilità, la diffusione delle fiamme, l’accendibilità, il potere calorifico e la produzione di fumo e di gocce ardenti.

Scegliere le lastre giuste è molto importante, soprattutto quando si parla di interventi su edifici che richiedono un piano di sicurezza (vedi scuole, ospedali…).

Dove viene utilizzato il cartongesso ignifugo?

Questo tipo di cartongesso è impiegato sia nelle abitazioni private che nei luoghi aperti al pubblico.

Un esempio perfetto di utilizzo tra le mura domestiche è il rivestimento di un termocamino, di una stufa o della cappa della cucina.

Un altro esempio è la realizzazione di pareti  o controsoffittature per delimitare i locali che ospitano caldaie o altri tipi di impianti.

Per quanto riguarda i luoghi pubblici ci sono moltissimi utilizzi:

◼︎ ospedali;
◼︎ teatri/palasport;
◼︎ stadi;
◼︎ scuole;

Tutti luoghi affollati che in caso di incendio devono proteggere il più possibile le persone presenti all’interno, mentre viene applicato il piano di emergenza ed evacuazione dall’edificio.

Cartongesso ignifugo: quale acquistare?

Partiamo dal presupposto che, se ti affidi ad un cartongessista specializzato, sarà lui a scegliere il prodotto che fa al tuo caso.

Soprattutto se si tratta di piccoli interventi da realizzare in casa.

Detto questo, le aziende che mi sento di consigliarti (alle quali si rivolgono dei professionisti con cui sono in contatto), sono queste:

◼︎ Knauf, che ha un’intera sezione dedicata all’antincendio;
◼︎ Siniat, anche lei specializzata nella produzione di sistemi a secco;
◼︎ Gyproc Saint-Gobain, un’altra azienda affermata;

Sui loro siti trovi anche gli agenti presenti sul territorio e i rivenditori, qualora volessi darti al fai da te.

Cartongesso ignifugo: le conclusioni

L’articolo ti ha chiarito le idee su questo materiale e su come viene utilizzato?

Se quello che hai letto ti è stato di aiuto ti chiedo un piccolo aiuto: condividi questo post con uno dei tasti qui sotto! 
Te ne sono molto grato.

Ricordati anche che mi trovi su Facebook e su Youtube!

Ah, un’ultima cosa prima dei saluti.

Il post che stai leggendo fa parte della rubrica dedicata all’argomento “cartongesso”.
Per vedere tutti gli articoli che ho scritto sin ora sull’argomento, clicca nel link tra parentesi [CLICCA QUI!].

A presto!
Lorenzo

Cartongesso ignifugo: che cos’è, come riconoscerlo, dove puoi utilizzarlo? 2017-07-08T18:39:03+00:00 Lorenzo

Lascia un commento

Torna su
Ristrutturazione bagno

×