Come vestire casa con l’arredamento minimal

Come vestire casa con l’arredamento minimal

Solo ciò che conta.
Una casa vestita con arredamento minimal si descrive con le quattro parole qui sopra.

Quattro parole che dovrai sempre tenere a mente e che puoi scolpire nella pietra.
Saranno preziose.

Preziose ma insufficienti.

Se vuoi addentrarti nel mondo dello stile minimalista hai bisogno di altri solidi punti di riferimento.
E di una guida.

Sai che c’è?
Nelle prossime righe sarò la guida che ti accompagnerà in questo mondo e ti fornirò le informazioni che stai cercando per arredare la tua abitazione.

Solo le informazioni che contano, ovviamente.

Le origini dello stile minimalista

Lo stile minimal fa la sua prima comparsa a metà degli anni sessanta.

Minimal si traduce in “minimo” che, a sua volta, è sinonimo di ridottissimo, inferiore, lievissimo.

L’essenza di un arredamento minimal è questa: sbarazzarsi del superfluo per concentrarsi su ciò che conta.

Oltre che uno stile di arredo sembra quasi uno stile di vita.

In effetti è proprio così.

Ti faccio un esempio.

Come riconoscere una casa vestita con arredamento minimal

Guarda la foto:

casa-minimalista
Cosa ti trasmette?

Le prime parole che mi vengono in mente sono “pulito” ed “ordinato”.

Niente chiavi dell’auto sul tavolino (oppure occhiali da sole, portafoglio…) né borse o giacche sul divano.

I pochi arredi sono perfettamente al loro posto ed in armonia.

In armonia anche i colori: pochi e tenui.
Niente spazio per tinte sgargianti e vistose.

Non solo.

Una stanza minimalista ti permette di muoverti con facilità avendo tutto (ovvero poco) a portata di mano.
Via i mobili alti ed ingombranti: le pareti sono pulite e c’è spazio solo per i decori “giusti”.

È un pò come fare ordine sulla scrivania dell’ufficio.

Getti carte e appunti che non servono e lucidi il piano di lavoro, riponendo penne e matite all’interno di un cassetto o di una tazza.

Ha un che di “zen”, vero?

Arredamento minimal: i materiali 

Anche i materiali seguono la direzione della pulizia rapida, della luce e dell’armonia.

Pavimenti: che materiali utilizzare?

pavimento-stile-minimal

Per quanto riguarda i pavimenti puoi puntare su:

◼︎ legno (colori chiari e tenui);
◼︎ resine;
◼︎ cemento;
◼︎ microtopping (che vedi nella foto qui sopra, interno doccia compreso);

Il microtopping potrebbe essere la base su cui poggiare il tuo arredamento minimal.

È un materiale molto resistente e davvero facile da pulire.

C’è di più.

Lo puoi usare anche come rivestimento ed è disponibile in un’infinità di colorazioni.

Per saperne di più sul microtopping clicca nel link tra parentesi [CLICCA QUI].

I materiali degli arredi

Gli arredi devono essere facili da pulire e di buona fattura (così dureranno nel tempo).

arredamento-minimal-moderno

Quelli adatti sono:

◼︎ il vetro;
◼︎ i laccati;
◼︎ la pelle (per le imbottiture);
◼︎ il corian;
◼︎ il metallo (per elettrodomestici e accessori cucina);
◼︎ il legno;

Arredamento minimal: come disporre i mobili?

Lo spazio è protagonista.

arredare-casa-in-stile-minimal

Per valorizzarlo al massimo dovrai disporre i “pochi” arredi lungo le pareti degli ambienti.

Senza ingombri potrai muoverti facilmente da una stanza all’altra.

Non solo.

Rimarrai fedele ad uno dei pilastri del minimalismo: la praticità.

Un altro consiglio è quello di valutare l’utilizzo di lampade e mobili pensili.

Pochi ma buoni.

I colori dell’arredamento minimal

Prima ho scritto che non c’è spazio per tinte sgargianti e vistose.

In parte è così, perché nelle case minimaliste il bianco la fa da padrone.

Lui e pochi altri.

arredamento-minimal-colori

Molti interior designer utilizzano il bianco in contrasto col nero, oppure affiancato a colori tenui.

Tra questi:

◼︎ il marrone e l’ocra;
◼︎ il grigio chiaro;
◼︎ il tortora;

Attenzione: queste sono le linee guida dello stile.

Non vuol dire che devi avere una casa in cui cammini su un pavimento bianco, ti siedi su un divano nero ed appoggi il cellulare su un tavolino basso e grigio.

La tua casa può (deve!) comunque esprimere calore, personalità ed accoglienza.

Dovrai solo stare attento a combinare tutti gli elementi di questa guida.

Così non cadrai nel minimalismo estremo.

Le decorazioni nell’arredamento minimal

Indovina un pò?

Poche e tutte al loro posto.

decorazioni-arredamento-minimal

Prediligi la qualità, anziché la quantità.

Scegli un numero sufficiente di decori, costruiti bene e che dureranno nel tempo.

Su cosa puntare?

◼︎ quadri con scritte;
◼︎ poster;
◼︎ un elegante orologio da parete;
◼︎ una pianta;

La parte più difficile è scegliere il primo pezzo (e non farsi prendere dall’acquisto sfrenato).
Il resto verrà da sé.

I Benefici di una casa minimalista

Arrivato a questo punto potresti chiederti se ci sono anche vantaggi nella scelta dell’arredamento minimal.

Ci sono.

casa-minimalista-vantaggi
Beneficio #1: Casa facile da pulire 

È normale, no?
Più cose hai, più tempo impieghi a pulirle.

Beneficio #2: Riduzione dello stress

Una casa con molti mobili “distrae” il tuo sguardo e la tua mente.
E la mente, per potersi rilassare, deve liberarsi dalle distrazioni.

Ripensa a quando metti in ordine la scrivania dell’ufficio o il tavolo del soggiorno.

Come ti senti quando la superficie è sgombra da ciò che non serve?

Beneficio #3: Casa più bella

L’ambiente pulito, ordinato e sgombro da ostacoli visivi sembra più bello.
Un pò come le abitazioni scelte per le copertine delle riviste.

Arredamento minimal: da dove partire?

guida-arredamento-minimal
In realtà non c’è IL primo passo.

Ci sono invece delle possibilità tra cui scegliere (in base alle tue esigenze e disponibilità economiche).

Quali sono?

#1: Una camera alla volta

Fai le cose con calma.
Potresti partire dalla camera da letto trasformandola in un’oasi di pace minimalista.

Oppure dal soggiorno, così da creare un ambiente accogliente ed “equilibrato”.

#2: Cambia qualche mobile

A volte bastano piccole modifiche per stravolgere l’aspetto di un ambiente.
Prendi nota dei mobili che potresti sostituire o eliminare (senza esagerare!) ed inizia da quelli.

Man mano che procedi tutto sarà più chiaro.

#3: Libera le pareti

I quadri copia-incolla dell’Ikea possono anche prendere il volo (scusami…sono dappertutto e non li sopporto più!).

Ne abbiamo già parlato, no?

Seleziona ed abbina pochi (ma giusti!) decori.
Un altro grande passo nel mondo dell’arredamento minimal.

Le conclusioni

“Solo ciò che conta”.

Eravamo partiti da qui e, nel corso della guida, non ci siamo mai allontanati da questo principio cardine.

Prima di salutarti voglio dirti un’ultima cosa.

Arredare una casa minimalista non significa realizzare un’ambiente freddo e senza emozioni.

La casa dovrebbe essere uno spazio in cui chiunque vorrebbe passare del tempo.
Anche se lo stile è minimal non devi rinunciare alle sensazioni di calore, accoglienza e bellezza.

Mi raccomando!

Se hai domande scrivi pure il tuo commento e riceverai una risposta!

Ricorda che mi puoi seguire anche su:

◼︎ Facebook;
◼︎ Youtube;
◼︎ Newsletter Voglia di Ristrutturare;

A presto!
Lorenzo

Come vestire casa con l’arredamento minimal 2018-01-22T08:22:50+00:00 Lorenzo

4 Commenti

  • Gio’
    2 luglio 2018 8:47

    Che sfizio si prova a vivere in un ambiente…freddo e spersonalizzato?,…dove non esiste alcun richiamo al passato della propria famiglia!, dei sentimenti di…provenienza!,….e dove il ” vuoto” la fa da…padrone?!!??….!!…. Una serie di ….”meraviglie” che lasciano al visitatore quel senso di novita’!….che subito va via e determina anche!…..sconforto!!!…..E’ ovvio! che meno si pone in una casa, meno! si fatica a tenerla ordinata!!,…..ma….a quale prezzo?!??…..booh!!,…..Ciascuno comunica alla propria casa i propri sentimenti…!!,….la propria sensibilita’!!,….quindi ritengo del tutto inutili certe regole di…stile che NON! esiste per nulla!!!….Scusate il mio sfogo…!!,…..grazie!!!….

    • Lorenzo
      3 luglio 2018 23:25

      Ciao Giò!
      Grazie per gli spunti, il tuo “sfogo” mi ha fatto riflettere ????
      Io ad esempio sono tipo da casa un pò minimalista (non simile ad un igloo, comunque).
      Nel mio caso ci sono vari motivi: ho pochissimo tempo per fare le pulizie, mi piacciono gli spazi dove poter “riflettere” senza vedere troppe cose in giro, amo l’ordine…potrei continuare ancora per molto!
      Questo non significa che non ami colori e “calore”, ANZI!
      Se l’ambiente è troppo “freddo”, invece, mi sento a disagio.
      Ognuno ha i suoi “equilibri”
      Grazie per ciò che hai scritto
      Lorenzo

  • Carla
    31 agosto 2018 0:45

    Finalmente sono riuscita a realizzare il mio sogno, avere una casa con arredo minimal in bianco e nero.
    Solo nelle stanze ho fatto mettere il parquet per rendere questi ambienti piu’ caldi.
    Ho personalizzato molto e ritengo di avere una casa molto particolare che mi rappresenta molto.

    • Lorenzo
      31 agosto 2018 18:03

      Ciao Carla, sono felice per te!
      Lorenzo

Lascia un commento

Torna su