Idroscopino: che cos’è e a cosa serve? Tutto quello che devi sapere ↓

Idroscopino: che cos’è e a cosa serve? Tutto quello che devi sapere ↓

In questo articolo scoprirai tutti i segreti dell’idroscopino

Ti racconterò come funziona, quali sono i suoi (molti) vantaggi, i modelli in commercio e anche i prezzi.

È la guida sull’idroscopino più completa del web.

Dopo averla letta, quasi certamente ti sarai innamorato di un accessorio che a mio parere tutti i bagni dovrebbero avere.

Prima di tutto…

Che cos’é l’idroscopino e come funziona?

È un complemento per il bagno (un optional) destinato alla pulizia dell’interno del wc.

Guarda l’immagine:

idroscopino-opinioni
Come puoi vedere, si compone di una doccetta a pulsante da dove esce l’acqua, un flessibile conico anticorrosivo (con lunghezza di 80-120 cm) e un rubinetto.

Di solito è realizzato con ottone cromato e acciaio inox, quindi non avrai problemi di ruggine o incrostazioni.

Il vero idroscopino ha un solo potente getto di acqua FREDDA, e viene utilizzato esclusivamente per pulire l’interno del vaso.

L’alternativa (quasi identica) è la doccetta multiuso, che forse hai visto nei bagni di alcuni centri commerciali, ospedali, etc…con acqua fredda/calda e getto regolabile.

Questo è un esempio:

In questo caso l’accessorio è utilizzato come funzione bidet, per pulire i pannolini, per l’interno della tazza.

Detto questo, perché dovresti abbandonare il classico scopino?

2 Motivi per mettere da parte lo scopino per wc 

Certamente sei abituato ad utilizzare lo scopino con setole (e portascopino annesso).

scopino-per-wc
Ci sono un’infinità di modelli, ma hanno tutti gli stessi problemi.

#1: Non sono igienici

È così.

Di tanto in tanto devi pulirlo attentamente, così da evitare incrostazioni e cattivi odori (operazione sgradevole). 

#2: Gocciola sul pavimento

È un attimo.

Mentre riponi lo scopino, capita che qualche goccia d’acqua finisca sul pavimento.

2 buone ragioni per rinunciare allo scopino, magari in vista della ristrutturazione del bagno.

E non finisce qui.

7 Benefici dell’idroscopino 

Se stai pensando di installare questo accessorio, devi conoscere tutti i suoi punti di forza (che non sono pochi).

Ne ho individuati sette.

#1: Pulizia garantita

“Pulisce bene l’interno del wc?” 🤔

È la domanda più frequente.

La risposta è SI, perché il getto dell’idroscopino è potente.

Faccio una precisazione.

La pressione dell’acqua dev’essere adeguata.

Se il tuo impianto ha problemi di pressione, forse ti ritroverai con un oggetto che non assolverà il suo compito.

In caso contrario andrà tutto a gonfie vele.

#2: Niente gocciolamenti

Dimentica i gocciolamenti dello spazzolone. ❌

Questo accessorio non gocciola, non ha contatto con il wc ed è igienico (niente germi).

Hai visto il video sull’utilizzo?

L’acqua che rimane nella parte finale va scaricata nella tazza, prima di riporre l’accessorio al suo posto.

Comunque, in caso di problemi/perdite, puoi sostituire il pezzo difettoso (tubo flessibile o doccetta).

#3: Sicuro (anche con bimbi in giro)

L’accessorio è dotato di un rubinetto, da richiudere dopo l’utilizzo (ATTENZIONE! chiudi sempre il rubinetto, altrimenti l’idroscopino rimarrà in pressione)

Questo significa che i bambini potranno premere la doccetta, ma non uscirà nemmeno una goccia d’acqua (e il tuo bagno non si trasformerà in un lago).

#4: Oggetto di design

idroscopino-bossini
Da alcune foto avrai già capito che l’idroscopino è un complemento di design, che si integra perfettamente con diversi stili di arredo (di certo è perfetto per il bagno moderno/contemporaneo).

Oltre ai modelli classici, tra poco vedrai meravigliose proposte di alcune eccellenze Made in Italy.

#5: Perfetto per locali pubblici

Se hai un’attività aperta al pubblico (o stai per aprirla), valutane l’installazione.

Non tutte le persone sono educate quando si trovano nei wc delle attività, e questo accessorio eviterebbe l’utilizzo dello scopino per wc (a volte mal riposto o non utilizzato).

Diversi locali pubblici si sono già “attrezzati”. 😉

#6: Installazione semplice 

Puoi installarlo sia su un bagno da rifare (progetti tutto prima dell’inizio lavori), sia su un locale esistente.

Nel primo caso l’impresa predispone un punto d’acqua fredda nei pressi del wc, a circa 15 cm dal vaso e ad un’altezza tra i 50 e i 70 cm.

Nel secondo caso lo puoi installare attaccandoti al punto d’acqua del bidet (di solito nei pressi del wc), al punto acqua del lavabo oppure direttamente alla cassetta esterna del wc (se esterna, ovviamente).

Comunque la ditta farà tutte le valutazioni, durante il sopralluogo sul tuo locale.

#7: Ampia scelta

Come in tutte le nicchie degli accessori bagno, anche qui hai diverse alternative.

idroscopino-arvag

I modelli più comuni sono le doccette cromate o di altro colore (nero, ad esempio), ma alcune aziende producono oggetti davvero splendidi.

I prezzi variano: da qualche decina di euro fino a diverse centinaia di euro (per accessori top).

Vediamo le tipologie.

video-arredamento

Idroscopino classico con doccetta

Te li ho presentati all’inizio dell’articolo, e sono i più diffusi.

Il prezzo per un modello base si aggirano sui 40/50 euro, ed avrai comunque un accessorio che svolge egregiamente il suo compito (grazie al potente getto laser).

Su Amazon puoi controllare le offerte delle aziende Bossini e Remer [CLICCA QUI].

Salendo di prezzo (oltre i 100 euro) c’è l’azienda Arvag, che produce idroscopini dal design più ricercato e offre una scelta maggiore [CLICCA QUI].

Se vuoi un prodotto top, allora potrebbe piacerti Giroschizzo (by Antonio Lupi).

idroscopino-wc
Elegante e compatto, è prodotto dall’azienda toscana che trasforma il bagno in un’opera d’arte (il prezzo è di oltre 500 euro).

Idroscopino a scomparsa

La prima grande differenza è che l’accessorio è nascosto (quando lo riponi).

La seconda è che sali di livello, design e prezzo.

Due aziende su tutte: CEA e Antonio Lupi (si, ancora “loro” 🙂).

Nel caso di CEA, l’idroscopino è nascosto nella placca di comando del wc.

Quando è al suo posto, questo è ciò che vedi 👇

idroscopino-a-scomparsa-prezzi
il tasto rotondo è dello sciacquone, quello rettangolare copre il flessibile:

idroscopino-a-scomparsa
Sono placche compatibili con le cassette di scarico più comuni (tipo Geberit e Grohe), quindi il tuo idraulico non avrà alcun problema.

Sul sito CEA trovi altri modelli.

La proposta di Antonio Lupi si chiama Tenso, ed è in acciaio inossidabile.

idroscopino-prezzo
Ha un design minimalista e si integra perfettamente con diversi stili.

C’è anche un’altra soluzione (Cartatenso), con rotolo di carta integrato.

Modelli affascinanti, vero? 🙂

Idroscopino: vale la pena installarlo? [e perché non lo hai ancora visto in nessuna casa?]

Secondo me è un ottimo accessorio, e lo installerei già solo per il fatto che è igienico.

Se non hai ancora trovato un’abitazione che ne abbia uno, posso fare un paio di ipotesi.

Innanzitutto, non è sempre semplice cambiare abitudini (da una vita utilizziamo lo scopino con setole). 🤷🏻‍♂️

Inoltre non si parla molto dell’idroscopino. 

Prova a chiedere info alla ditta a cui affiderai il rifacimento del tuo bagno, oppure allo show-room dove acquisterai l’arredo.

Probabilmente ti guarderanno un pò “stupiti” (perché non sono abituati a ricevere domande sull’accessorio).

Comunque pensaci: è una piccola spesa e anche l’installazione ha un costo irrisorio (forse te la cavi con 50 euro, in corso di ristrutturazione).

Ora tocca a te! 💪🏻

Mi auguro che questa guida ti abbia aiutato e dato risposte.

Se hai domande scrivi pure il tuo commento qui sotto.

Una cosa prima di salutarci: restiamo in contatto! 🤝

Iscriviti alla mia newsletter o al mio canale Youtube (il più più grande d’Italia su ristrutturazione e arredo di interni).

video-arredamento

A presto!
Lorenzo

Idroscopino: che cos’è e a cosa serve? Tutto quello che devi sapere ↓ 2016-11-29T16:46:07+02:00 Lorenzo

2 Commenti

  • Giuseppe Benincampi
    7 Marzo 2018 21:51

    molto interessante, ti fa riflettere e quindi scegliere soluzioni pratiche oltre ché esteticamente valide.

    • Lorenzo
      7 Marzo 2018 23:22

      Grazie Giuseppe!

Lascia un commento

Torna su