Piatto doccia a filo pavimento: vantaggi, svantaggi (Guida completa 2021)

Piatto doccia a filo pavimento: vantaggi, svantaggi (Guida completa 2021)

In questa guida scoprirai i segreti del piatto doccia a filo pavimento.

L’articolo contiene:

  • caratteristiche e tipologie dei prodotti
  • pro e contro dei piatti doccia filo pavimento
  • materiali e migliori marche
  • MOLTO altro!

Se desideri un bagno moderno, elegante e “pulito” valuta bene questi modelli.

Iniziamo!

Caratteristiche e tipologie

Il piatto doccia a filo pavimento ha il piano di appoggio allo stesso livello del pavimento: niente scalini, rialzi o sporgenze. Il prodotto è incassato nel massetto di sottofondo.

piatto doccia a filo pavimento

Ciò che acquisti è un piatto prefinito, con uno spessore ridotto (da 2,5 a 4 cm circa) che favorisce l’installazione.

L’alternativa è il piatto doccia piastrellato:

bagno con piatto doccia piastrellato

qui il pavimento dell’interno doccia è in mattonelle, quindi non possiamo parlare di un vero “piatto”.

Oltre alle piastrelle, è possibile utilizzare resina, microcemento, mosaico o sassi.

Passiamo ai materiali…

Materiali del piatto doccia a filo pavimento

I piatti sono disponibili in tanti materiali*, tra cui:

  • ceramica
  • compositi (esempio: Corian®)
  • acrilico
  • grès
  • marmo/altre pietre
  • acciaio smaltato
  • legno con doghe (esempio: teak)

La maggioranza della richiesta si concentra su ceramica e compositi.

*oltre ai “piatti” realizzati in piastrelle

La scelta del materiale è importante, perché influisce su prezzo, praticità d’uso/pulizia ed impatto scenografico del prodotto. I più economici sono acrilico e ceramica, i più costosi marmo/altre pietre.

Pro e contro del piatto doccia a filo pavimento

Uno degli aspetti più discussi riguarda i vantaggi e gli svantaggi delle soluzioni filo pavimento.

Iniziamo dai punti a favore.

Vantaggio #1 Estetica

Il primo beneficio è il look: questa soluzione crea una superficie uniforme e continua, priva di interruzioni.

Il minor ingombro visivo inganna l’occhio e fa apparire più grande la stanza, quindi è l’ideale per bagni piccoli e – in generale – per locali moderni, minimalisti e di design.

La sensazione di continuità aumenta coi “piatti” piastrellati o in microcemento/resine:

bagno con doccia filopavimento

Visto?

Vantaggio #2 Personalizzabili

Per personalizzare il piatto hai molte opzioni. Oltre al materiale puoi decidere:

  • dimensioni
  • colori
  • copripiletta e canalina
  • box doccia (caratteristiche)
  • altri dettagli

Dimensioni

Riguardo le misure hai l’imbarazzo della scelta.

I piatti piccoli partono da 70×90 cm, disponibili nel formato semicircolare o quadrato 80×80, fino ai maxi-formati lunghi oltre 2 metri.

piatto doccia filo pavimento Cosentino Exelis
Exelis (Cosentino): 300×120 cm

Ricorda: le dimensioni non rappresentano un problema. In commercio trovi i piatti doccia tagliabili e/o realizzati a misura.

Colori e finiture

Oltre ai toni standard (bianco, beige, grigio…) i migliori produttori realizzano piatti in decine di tonalità e finiture.

Copri piletta e canaletta

In base al prodotto, la tua doccia a pavimento avrà una copri piletta o la canalina di raccolta delle acque.

Tali elementi coprono piletta e sifone del piatto, ed è possibile selezionare materiale e/o tono:

Le mie preferite sono quelle in tinta col piatto (foto 1), minimaliste ed eleganti.

L’alternativa è l’acciaio inox (foto 2) che tuttavia – in base al colore del piatto – rischia di risaltare un po’ troppo (parere personale!).

Box doccia

Il box da abbinare al piatto può avere tante configurazioni, che in parte dipendono dalla posizione della doccia (angolare, in nicchia, centro stanza, con tre lati vetrati).

Cosa puoi decidere?

  • telaio
  • vetro
  • apertura anta/e

Un trend degli ultimi anni è il box con profili sottili – effetto tutto vetro – con finitura cromata, nero, spazzolato…

box doccia tutto vetro con profilo nero

i vetri hanno vario spessore (standard: 6-8 mm) non solo trasparenti ma anche opachi, colorati o con serigrafie:

box doccia con serigrafia novellini

Infine l’apertura dell’anta/e, definita dalla collocazione della doccia e dallo spazio disponibile.

Le aperture più comuni sono scorrevole, a saloon, con porta a battente, pieghevole o pivotante. Le parete doccia fissa è riservata alle docce walk-in.

Altri dettagli

Ne segnalo un paio: il piatto col bordo e quello con texture di superficie (o altri rilievi).

piatto doccia a pavimento antiscivolo

Attenzione! Il livello di personalizzazione del piatto cambia – parecchio – in base a materiale e fornitore.

Esempio:

I materiali compositi si lavorano con facilità e offrono parecchia scelta. La “sartorialità” (inesistente) di un outlet della casa non è paragonabile a quella di un’azienda specializzata.

Scusa l’ovvietà, preferisco specificare.

Vantaggio #3 Pulizia

L’assenza di scalini e insenature favorisce senza dubbio la pulizia.

A differenza dei modelli in appoggio, la superficie a filo offre pochi angoli/fessure per l’accumulo della sporcizia.

Vantaggio #4 Accessibilità

Secondo la normativa per il superamento e l’eliminazione delle barriere architettoniche, il piatto a filo pavimento è obbligatorio nei bagni usati da persone disabili o con particolari difficoltà motorie.

bagno disabili Ponte Giulio

È perfetto anche quando in casa vivono degli anziani.

Con l’avanzare dell’età, la classica vasca da bagno diventa scomoda e pericolosa. La soluzione è un ampio piatto doccia a pavimento, magari abbinato a sedile pieghevole e maniglione.

Lo svantaggio: spessore sottofondo

L’installazione del piatto a filo pavimento richiede un sottofondo con spessore sufficiente a contenere piatto e piletta di scarico.

“Quanto dev’essere alto il sottofondo?”

Dipende dall’altezza del piatto e della piletta, elementi disponibili in molteplici misure.

Guarda il mio video-riassunto: sarà tutto più chiaro!

Ristagni e uscite d’acqua: cosa devi sapere

Il timore più diffuso riguarda il pericolo di ristagni d’acqua e allagamenti.

“Come fa a non allargarsi tutto?” (Cit.)

I piatti hanno una pendenza sul piano. Di solito è minima (1%) e appena percettibile, ma l’inclinazione c’è.

piatto filo pavimento Gruppo Geromin

Il modello in foto sembra piano, ma in realtà c’è una piccola obliquità. Controlla sempre la scheda tecnica del prodotto, dovresti trovare informazioni a riguardo.

Al piatto va abbinata una piletta di scarico di buona portata (esempio: 40 litri/minuto), che garantisca un rapido deflusso anche in docce con grandi soffioni.

Posa Corretta + Piletta Adeguata = NO ristagni, NO esondazioni

Se col tempo noti un lento deflusso significa che la piletta è sporca di capelli/peli, quindi è tempo di pulirla (alcuni piatti sono abbinati a pilette con filtro raccogli-sporcizia).

Filo pavimento & Walk-In

La faccenda cambia con le docce walk-in.

Con queste soluzioni corri il rischio di schizzare il pavimento, soprattutto in base a tipologia e misure dell’accoppiata piatto+box.

Ad angolo

doccia a pavimento walk-in

Per la walk-in ad angolo consiglio un piatto lungo almeno 160 cm. Con dimensioni inferiori gli schizzi d’acqua sul pavimento sono inevitabili.

Alternativa: installa una tenda all’ingresso della doccia.

In nicchia

bagno con doccia a pavimento walk-in

Qui c’è maggiore protezione, può bastare un piatto lungo 140 cm.

In entrambi i casi serve un minimo di tolleranza per gli schizzi di rimbalzo: possono capitare!

Piatto doccia filo pavimento e parquet

Puoi installare un piatto doccia a pavimento anche in un bagno con parquet, l’importante è evitare i ristagni d’acqua prolungati e gli eccessi di umidità (prolungati).

Ecco un esempio (durata video: 14 secondi):

questo bagno ha un pavimento in rovere incollato al sottofondo.

Se desideri un parquet prediligi delle specie legnose con maggiore resistenza all’umidità, mentre per la finitura scegli il parquet verniciato (anziché oliato).

Marche di piatti doccia a pavimento

Le aziende del settore sono troppe: impossibile menzionarle tutte. Di seguito ne cito alcune (con prodotti di buona/ottima qualità).

AZIENDA MATERIALE/I
Disenia compositi (resine)
Gruppo Geromin compositi (resine)
Arblu compositi (resine)
Fiora compositi (resine)
Ceramica Cielo ceramica
Duravit acrilico
Ideal Standard acrilico e ceramica

Piatto doccia: meglio filo pavimento o rialzato?

A questo punto chiediti:

“Vale la pena acquistare un modello a filo pavimento?”

Tutto sommato i prodotti ultra flat (in appoggio) sono uno splendore rispetto ai massicci e vecchi piatti in ceramica:

Che fare?

Possibilità di installazione a parte (sottofondo minimo, ricordi?) è soprattutto questione di gusti e…diffidenza.

Alcune persone vogliono i modelli a pavimento ma temono i ristagni, quindi ripiegano sui moderni piatti a basso spessore, posati in appoggio. Questo è quanto ho capito dal confronto con rivenditori, imprese, utenti del blog/ canale YouTube.

La mia opinione?

Consiglio il piatto a pavimento solo se abbinato a un arredo di fascia media o alta (box doccia, rubinetterie, mobile bagno…), che esalta la bellezza di questi modelli.

Per ristrutturazioni ordinare o economiche – parere mio – conviene investire in un prodotto in appoggio.

Per concludere

Ora puoi scegliere (o non scegliere) il piatto doccia a pavimento con maggiore consapevolezza.

Hai domande? Scrivi un commento.

A presto!
Lorenzo

Lorenzo Ciancio

Autore del post e fondatore di Voglia di Ristrutturare Leggi i miei articoli