Levigatura parquet: come funziona, tempi e costi (2022)

Levigatura parquet: come funziona, tempi e costi (2022)
4.3/5 - (30 voti)

In questa guida troverai le indispensabili informazioni sulla levigatura del parquet.

L’articolo contiene:

  • le fasi dell’intervento
  • tempi e costi della lamatura
  • risposte a domande frequenti

Ti mostrerò anche il video di una levigatura, realizzata su un parquet rovere annerito e malconcio.

Iniziamo!

Levigatura parquet: cos’è e come funziona?

La levigatura del parquet è un intervento di manutenzione straordinaria del pavimento in legno; che elimina graffi e macchie (superficiali) e pareggia i listelli leggermente imbarcati. L’operazione – realizzata da una levigatrice – rimuove lo strato di pavimento rovinato dall’uso.

Non c’è differenza tra levigatura e lamatura

Parquet idonei

È possibile levigare qualsiasi tipologia di pavimento in legno.

In particolare:

  • massello e prefinito
  • oliato e verniciato
  • incollato e flottante (su materassino o sabbia)

Nel caso del parquet incollato, gli elementi devono essere ben attaccati al sottofondo.

listelli di parquet staccati

In caso contrario, prima di procedere, è necessario incollare i listelli.

7 Step di una levigatura del parquet completa

La levigatura rappresenta solo una delle fasi che compongono la ristrutturazione del parquet.

Il restauro completo prevede più levigature, realizzate con nastri (o dischi) di vario potere abrasivo.

Step del restauro:

  • sgrossatura
  • seconda levigatura
  • stuccatura
  • perimetro e terza levigatura
  • carteggiatura
  • pulizia del pavimento
  • finitura finale

Tale sequenza non è fissa, poiché cambia in base a condizioni del pavimento ed esperienza del parchettista.

Un parquet molto vecchio e rovinato richiede molte più cure, rispetto a un pavimento con qualche graffio superficiale.

#1 Sgrossatura

lamatura del parquet

È la prima lamatura, che rimuove la finitura del pavimento e le irregolarità marcate. In genere si esegue con carte abrasive a grana grossa, ideali per superfici molto danneggiate.

#2 Seconda Levigatura

La seconda levigatura si realizza con carte abrasive medie, e serve a rimuovere i segni della sgrossatura. L’obiettivo è ottenere una superficie liscia e planare.

#3 Stuccatura

La stuccatura chiude le aperture tra i listelli e le altre fessurazioni; il composto è formato da polvere di legno (ricavata dalla levigatura) mista a resina, e viene passato con una spatola.

#4 Perimetro e terza levigatura

Segue una levigatura dei bordi, con una macchina più piccola, e una terza levigatura con grana più fine.

#5 Carteggiatura

La carteggiatura è una rifinitura, si esegue con una monospazzola (a grana finissima) e permette di eliminare lo stucco in eccesso. La superficie che si ottiene è molto setosa, e prepara il parquet per il successivo trattamento.

#6 Pulizia del pavimento

Nel penultimo step si rimuovono le polveri del legno, che vanno tolte con un aspirapolvere professionale.

Ora il pavimento è pronto per il trattamento conclusivo.

#7 Finitura finale

Il trattamento più richiesto è la verniciatura, spesso realizzata con vernici all’acqua impermeabili e opache; l’altra finitura è l’oliatura.

Il parquet con rifinitura a cera è molto raro

Levigare il parquet: oliato VS verniciato

Per levigare un oliato o un verniciato si usano le stesse macchine, e la procedura è pressoché identica.

La differenza sta nella finitura finale.

Un vecchio parquet verniciato si può sia riverniciare sia oliare.

Verniciare un oliato è più difficile, malgrado la levigatura, perché l’oliatura originaria impregna gli elementi, quindi i residui d’olio possono creare un’azione idrorepellente alle vernici.

In questi casi la nuova vernice non si distende bene e non attacca, come se scivolasse sulla superficie.

Di conseguenza, se hai un oliato da verniciare, è necessario fare una prova di tenuta (su una piccola zona del pavimento).

Come cambiare colore al parquet (a levigatura conclusa)

Desiderio frequente di chi ristruttura il parquet è la possibilità di cambiare colore al legno, o quantomeno schiarirlo.

Tante case pre-anni duemila hanno pavimenti scuri, ma oggi la maggioranza della richiesta riguarda i parquet chiari, come il rovere.

La buona notizia è che una levigatura schiarisce sempre il legno, perché elimina lo strato di pavimento esposto alla luce (più ossidato e bruno):

schiarimento del parquet

Tale schiarimento è marcato nei legni esotici (doussiè, iroko…), e meno evidente in quelli chiari (rovere, frassino, abete, acero, larice…), ed è un primo – piccolo – risultato. 🙂

Tra l’altro, con le moderne vernici, è possibile ridurre l’ossidazione dei legni esotici (ossidazione = diventa più scuro).

Tuttavia, per cambiare colore a un parquet scuro, serve una vernice coprente; da applicare a levigatura conclusa.

Grazie a una vernice coprente puoi dipingere il parquet in qualsiasi colore. 🙌🏻

Levigare il parquet coi mobili in casa: si può fare?

Puoi levigare un parquet senza smontare la cucina e i mobili molto pesanti – o fissati alla parete – come armadi e librerie. Letti, divani, tavoli, sedie e arredi leggeri vanno portati in altre stanze.

Consiglio di coprire l’arredamento che rimane, perché la lamatura solleva della polvere di legno (non molta, comunque un professionista l’asporta prima di lasciare la casa).

Quanto tempo ci vuole per levigare il parquet?

Per levigare una superficie di 50 mq servono circa 3 giorni; oltre a 2-3 giorni per la completa asciugatura dell’ultima mano di vernice.

Il momento giusto per levigare – secondo il mio parere – è dopo l’imbiancatura delle pareti, perché non corri il rischio di macchiare il pavimento con la pittura.

Certo, non devi levigare quando la tinteggiatura è ancora umida, altrimenti la polvere di legno si attaccherà alle pareti (tipo carta moschicida).

Quanto costa la levigatura del parquet?

Il costo medio della levigatura del parquet si aggira sui 20-30 €/mq, ma il prezzo può variare in base a tre fattori:

  • superficie da lamare
  • condizioni pavimento
  • logistica (distanza, piano, comodità accesso)

Operare in un appartamento al piano terra, con cortile privato e spazio per furgone/attrezzi è più agevole – e meno costoso – rispetto a un alloggio in centro storico (magari zona ZTL) con posteggio a pagamento. 🙂

Un parquettista serio considera sempre gli aspetti in elenco.

Dopo quanti anni occorre levigare il parquet?

Non esistono tempistiche di riferimento: è a discrezione del proprietario.

Alcune persone amano i parquet vissuti – benché graffiati – altre preferiscono i pavimenti in legno “perfetti”, e richiedono varie lamature nel giro di pochi anni.

Rinnovare il parquet senza levigare: è possibile?

È impossibile ristrutturare un parquet senza una corretta – e completa – levigatura della superficie.

Le alternative rapide e spesso fai-da-te, come la carteggiatura a mano, rappresentano dei rimedi momentanei che possono mascherare alcune macchie; non hanno niente da spartire con la vera levigatura.

Video: Levigatura parquet (prima e dopo)

Passiamo alla pratica.

Voglio mostrarti il risultato della lamatura di un rovere chiaro, posato circa 10 anni fa (2011).

I vecchi proprietari non l’avevano trattato bene, e la superficie – oltre ai graffi – mostrava delle macchie scure, causate dal tannino.

Il tannino è una sostanza contenuta nei legni chiari, che fuoriesce in condizioni di eccessiva umidità/ristagni d’acqua prolungati

Durata video: 70 Secondi

Bella differenza, vero? 😇

Per concludere

Ce l’ho messa tutta per rendere semplice questo argomento, e spero di aver risposto ai tuoi dubbi.

Se hai trovato informazioni utili – e vuoi ripagare il mio lavoro – condivi l’articolo tramite i social. 🙂

Ringrazio il mio amico Ferruccio Mattiello, titolare di Emmedue Pavimenti (Cittadella – Padova), per il contributo nella preparazione del post.

Se hai bisogno di un parchettista nella zona di Padova, puoi contattarlo per una consulenza (è rivenditore e posatore).

A presto!
Lorenzo

Vuoi dei consigli gratuiti per ristrutturare e arredare casa?

Iscriviti alla newsletter! (1 o 2 mail mensili, niente spam)

Lorenzo Ciancio

Autore del post e fondatore di Voglia di Ristrutturare Leggi i miei articoli