Sanitrit: funzionamento, pro e contro, opinione (Super-guida 2024)

Sanitrit: funzionamento, pro e contro, opinione (Super-guida 2024)
4.4/5 - (8 voti)

In questa guida ti parlerò del Sanitrit (l’originale).

Cosa scoprirai?

  • com’è fatto
  • come funziona e dove scarica
  • pro e contro
  • prezzi

…e molto altro, perché risponderò a tantissime domande sull’argomento.

Iniziamo! 🙂

Che cos’è il Sanitrit?

Il Sanitrit è un apparecchio di triturazione liquami – o sollevamento acque – che consente di ricavare un bagno, una cucina o una lavanderia in qualsiasi punto dell’edificio, anche in assenza delle pendenze naturali necessarie per il deflusso dell’acque e dei liquami.

Il termine “Sanitrit” si riferisce al marchio registrato dell’azienda francese SFA Group, leader mondiale nella produzione di trituratori con pompa di sollevamento.

Esistono altri marchi, ma i modelli della SFA sono senza dubbio i più conosciuti (installati in oltre 50 paesi del mondo).

Come funziona il Sanitrit?

L’apparecchio funziona grazie alla corrente elettrica: i rifiuti organici che entrano nel Sanitrit vengono prima sminuzzati – grazie a una lama rotante affilata – e poi spinti a pressione fino alla colonna di scarico o la fogna dell’edificio.

Com’è fatto

I componenti principali sono due:

  • il trituratore
  • la pompa di sollevamento

Il trituratore sminuzza i rifiuti organici del wc in particelle più piccole, mentre la pompa li spinge fino alla colonna di scarico o alla fogna (sfruttando la pressione dell’acqua).

I tubi che trasportano l’acqua a pressione hanno un diametro inferiore, rispetto al tradizionale scarico del water. 🚽

I diametri degli scarichi dei trituratori possono essere di 22, 28 o 32 mm: assai inferiori ai 90-100 mm. richiesti per la tubatura di scarico tradizionale.

Tipologie di “Sanitrit

La gamma Sanitrit si divide in tre categorie:

  • trituratori
  • compatti
  • pompe domestiche

Qual è la differenza? 🤔

Trituratori

I trituratori rappresentano il classico Sanitrit, ovvero l’apparecchio da installare dietro il wc.

Questi modelli permettono di collegare il wc e – a seconda del prodotto – anche altri elementi (lavabo, doccia, bidet…etc.).

Compatti

I compatti sono dei vasi in ceramica con trituratore integrato: vengono chiamati anche wc tritatutto.

Compatti = Salvaspazio

A differenza dei trituratori, oltre al wc puoi collegare solo il lavabo e le prestazioni, in termini di spinta dell’acqua, sono inferiori (fa eccezione il modello Saniflush).

Pompe domestiche

Le pompe domestiche permettono invece di creare una cucina, una zona lavanderia o un bagno senza water.

Vietato introdurre acque e rifiuti organici provenienti dal wc. ✋

Per maggior chiarezza e completezza, lascio il link del catalogo ufficiale SFA, dove trovi le informazioni dettagliate su tutta la gamma: Catalogo SFA aggiornato.

3 Vantaggi del Sanitrit

Adesso vediamo quali sono i vantaggi del Sanitrit, a partire dal più importante ed apprezzato, responsabile del successo di questo apparecchio.

#1 Bagno e Cucina dovunque

Il primo beneficio è che Sanitrit risolve un grande problema. 🧠

Come spiegato, i vari modelli dell’azienda permettono di ricavare un bagno, una cucina o una lavanderia in tutti quei casi dove è impossibile ottenere la pendenza naturale degli scarichi.

Il nuovo ambiente si può creare pressoché dovunque, perfino in taverna o nel garage, perché l’apparecchio spinge le acque a pressione, anche in verticale.

Acqua anche in verticale

Con l’aiuto del tecnico o dell’impresa che segue la ristrutturazione, dovrai definire il percorso della tubatura in uscita dal Sanitrit, da collegare alla colonna di scarico o direttamente alla fogna.

Il tubo può scorrere a parete, nel massetto o anche in un controsoffitto in cartongesso.

#2 Economico

Il secondo vantaggio è il prezzo. 💶

Considerato il problema che Sanitrit risolve, il prezzo dei modelli – a mio avviso – è tutto sommato economico, o quantomeno adeguato.

Anche perché bisogna ammettere che spesso non c’è un’alternativa, se non quella di rinunciare al progetto o scegliere un prodotto di un’azienda concorrente, meno conosciuto e (forse) affidabile.

#3 Valore immobiliare

Terzo punto a favore: Sanitrit aggiunge valore alla casa.

L’aumento del valore immobiliare è pressoché una certezza, perché il secondo bagno è un requisito importante per molte persone, quindi l’immobile avrà un bacino di potenziali acquirenti più ampio.

Secondo una ricerca di Idealista, l’aumento di valore è di circa il 5-10%: niente male! 🙂

Tuttavia, ci sono dei punti a sfavore…

2 Svantaggi del Sanitrit

Ebbene si: anche questo apparecchio ha i suoi difetti, che elencherò in questo capitolo della guida.

#1 Installazione

Il primo svantaggio è l’installazione. 🧑🏻‍🔧

Questi dispositivi elettronici svolgono un compito delicato (soprattutto il trituratore), quindi l’installazione va affidata a qualcuno con le competenze e l’esperienza necessarie a garantire un montaggio corretto e sicuro.

Solo esperti!

Le regole da seguire, te lo assicuro, sono tante.

Alcuni problemi post-installazione nascono proprio da errori in fase di messa in opera, perciò fa’ molta attenzione.

Ti consiglio di evitare gli artigiani tuttofare o coloro che nel tempo libero si dedicano a queste cose, apparentemente semplici – meglio contattare un rivenditore autorizzato (spesso anche installatore) o un idraulico esperto.

#2 Funziona a corrente

Il secondo svantaggio riguarda il funzionamento.

È un apparecchio senza batteria, quindi non funziona in assenza di corrente elettrica…e questo potrebbe essere un bel problema.

Non tanto a casa tua – perché mal che vada hai un altro bagno a disposizione – semmai in certi casi dove il Sanitrit è a servizio di altre persone, come ad esempio alcune stanze dei bed&breakfast.

Farei però una riflessione. 💭

Quante volte sei rimasto senza corrente, negli ultimi anni? E per quanto tempo?

L’energia elettrica, di solito, manca per poco tempo (massimo quale ora) e assai di rado, quindi non ritengono un grave problema, almeno nelle abitazioni private.

#3 Manutenzione

Il terzo ed ultimo svantaggio è la manutenzione.

Un minimo di manutenzione ordinaria è necessaria, soprattutto se il bagno è usato di frequente (stessa cosa per cucina e lavanderia, ovviamente).

Per questo scopo, c’è l’anticalcare ufficiale dell’azienda:

Offerta
Sanitrit Liquido Anticalcare - 5 Litri Per Trituratori
  • Sanitrit Liquido Anticalcare - 5 Litri Per Trituratori
  • Tipologia di prodotto: CLEANING AGENT

Oltre a eliminare il calcare, questo detergente liquido pulisce e disinfetta senza rovinare le parti interne del trituratore.

Come va usato?

Innanzitutto, scollega l’alimentazione elettrica (sempre!).

Poi inserisci circa 2 litri di prodotto attraverso una delle utenze collegate (es. il wc) oppure tramite il foro di sfiato dell’apparecchio, se facilmente raggiungibile.

Lascia agire circa 4 ore, ricollega l’alimentazione elettrica e poi fai scorrere l’acqua delle utenze, per circa 15 secondi.

L’operazione va ripetuta ogni 1-3 mesi, dipende dalla durezza dell’acqua locale.

Cosa serve per installare un Sanitrit?

Per installare un Sanitrit serve un tubo di ingresso dell’acqua, un tubo di scarico esterno, un tappo e una presa di corrente (tipo Schüco) nelle immediate vicinanze, per l’alimentazione dell’apparecchio.

I diametri delle tubature di ingresso o uscita cambiano in base al modello.

Dove scarica il Sanitrit?

Tutti i trituratori e le pompe domestiche dell’azienda SFA possono scaricare in una delle colonne di scarico dell’edificio, oppure direttamente in fogna o nella fossa biologica.

Cosa non gettare nel Sanitrit?

All’interno del Sanitrit non è possibile gettare questi oggetti:

  • assorbenti igienici
  • cotton fioc
  • salviette umidificate
  • preservativi
  • sigarette
  • pezzi di cotone o stoffa
  • lamette/oggetti metallici
  • tappi
  • pezzi di cibo

L’immissione di uno o più oggetti in elenco può instasare il trituratore o la pompa, causando malfunzionamenti.

Leggi bene il manuale d’uso

È consentito l’uso della carta igienica, in quantità non eccessiva. 🧻

Quanto costa un Sanitrit?

I trituratori e i compatti dell’azienda SFA hanno prezzi compresi tra circa 450 euro fino ad oltre 1.000 euro: dipende dal modello.

Sul sito ufficiale trovi l’elenco dei rivenditori ufficiali, in alternativa puoi consultare le offerte di questi siti:

Su questi portali, ogni tanto, è possibile trovare delle promozioni.

FAQ: domande frequenti sul Sanitrit

In questo capitolo rispondo ad alcuni quesiti frequenti sui prodotti dell’azienda SFA: se non trovi la risposta che cerchi, scrivi un commento. 👇🏼

Quanti anni dura un Sanitrit?

Un Sanitrit può durare dai 10 ai 20 anni: la vita utile dipende soprattutto da due fattori:

  • installazione
  • modalità d’uso

È anche importante rispettare le regole di pulizia e manutenzione ordinaria previste dal produttore (vedi capitolo dedicato).

Dove posizionare il Sanitrit?

Il classico Sanitrit (trituratore per water) va posizionato dietro al wc, come indicato dal produttore; le pompe domestiche – invece – vanno sistemate il più vicino possibile al componente sanitario a cui sono collegate (es. il lavabo).

Quanto spinge un Sanitrit?

A seconda del modello, i trituratori Sanitrit possono spingere acque e liquami fino a 100 metri in orizzontale e fino a 7 metri in verticale.

Le pompe domestiche, invece, spingono fino a 90 metri in orizzontale e ben 9 metri in verticale.

Le prestazioni – indicate sul sito ufficiale – variano in base al modello specifico.

Che carta igienica usare per il Sanitrit?

Tutte le carte igieniche in commercio sono idonee ai trituratori dell’azienda SFA: non serve un prodotto particolare.

Il Sanitrit si può intasare?

Se l’apparecchio viene installato e usato correttamente, non rischi intasamenti né ritorni di acque negli scarichi.

Tutti i modelli hanno una valvola antirigurgito – chiamata valvola clapet – che impedisce alle acque reflue di risalire nel tubo di scarico e di fuoriuscire dal wc, o da altri sanitari collegati.

Per maggior sicurezza, puoi installare il Sanialarm: un pressostato che emette un rumore in caso di malfunzionamenti (come un in piccolo allarme).

Sani Alarm - Allarme
  • SaniAlarm dispone di un pressostato di livello che attiva un allarme fissato sulla parte...
  • L'allarme emette un suono di avvertimento continuo di 80 dB, fino a quando non viene...

Garanzia e assistenza post-vendita del Sanitrit

Tutti i modelli Sanitrit sono garantiti – di base – 24 mesi (2 anni).

Tuttavia, se registri on-line il tuo prodotto entro 90 giorni data di acquisto, ottieni la super-garanzia di 5 anni totali (2+3), che si applica solo agli apparecchi comprati presso uno dei rivenditori autorizzati SFA.

C’è una procedura di registrazione da seguire, al termine della quale riceverai un certificato di garanzia supplementare, da esibire al centro Assistenza in caso di problemi (unito al documento di acquisto).

Devi registrare un prodotto? Visita questa pagina.

Assistenza post-vendita

L’azienda offre anche un servizio di assistenza tecnica ufficiale, con degli incaricati in varie province italiane: a dire il vero non sono molti, in relazione alla grandezza del territorio.

La mia opinione sul Sanitrit

In definitiva, questo apparecchio è un buon investimento? 🤔

Direi di si, secondo la mia esperienza.

Negli ultimi anni ho raccolto tante testimonianze e feedback, quasi sempre positivi: l’apparecchio fa il suo dovere, quando viene installato e usato correttamente.

Ho parlato anche con persone che lo usano da più di vent’anni, e le uniche cose che hanno fatto – nel tempo – sono state delle sostituzioni di qualche guarnizione o filtro (oltre alla pulizia ordinaria con anticalcare).

I problemi, di solito, sono legati a errori di montaggio, quindi scegli con attenzione l’installatore.

Come procedere?

Se hai ancora dubbi, scrivi la tua domanda nei commenti. 👇🏼

Se devi creare o ristrutturare un bagno – e vuoi una guida per pianificare i lavori ed evitare errori – acquista il mio ebook “Ristrutturare il bagno è Semplice”.

Puoi anche seguirmi sul canale YouTube di Voglia di Ristrutturare, dove trovi altri consigli sulla ristrutturazione e l’arredo.

A presto!
Lorenzo

Pianifica i lavori del bagno, trova un’impresa affidabile e scegli gli arredi giusti (senza perdere tempo, anche se parti da ZERO e non conosci nessuno)

Nel mio ebook ti racconto cosa fare, passo per passo

Lorenzo Ciancio

Autore del post e fondatore di Voglia di Ristrutturare Leggi i miei articoli