Come creare un ripostiglio in casa (dovunque, in poco spazio)

Come creare un ripostiglio in casa (dovunque, in poco spazio)

In questa guida scoprirai come creare un ripostiglio in casa (anche in poco spazio).

L’articolo contiene informazioni su:

  • misure minime richieste
  • normativa
  • sistemi da utilizzare
  • MOLTO altro!

Hai una casa senza ripostiglio e cerchi l’ispirazione? Continua a leggere e prendi appunti. 😉

Come creare un ripostiglio in casa (Tipologie)

Per ricavare uno sgabuzzino hai due sistemi: la parete – in laterizio o cartongesso – e i mobili.

La seconda opzione è meno impegnativa, ma la scelta dipende dalle tue esigenze e – soprattutto – dalle possibilità offerte dall’abitazione.

Parete

L’aggiunta dello stanzino modifica la planimetria della casa, di conseguenza è necessario un permesso, oltre al rispetto di alcune regole (prossimo capitolo).

ripostiglio con pareti in cartongesso

Il lavoro va affidato ad artigiani (esempio: i cartongessisti), e l’iter è più lento, rispetto all’acquisto di un mobile.

Pareti in laterizio o cartongesso?

Secondo me conviene puntare sul cartongesso, soprattutto se vivi già in casa. La tecnica costruttiva a secco (senza malta) agevola il lavoro e riduce i tempi di realizzo.

Senza contare che gli interni delle pareti – e il controsoffitto – possono nascondere impianto elettrico (fili, scatole…) e corpi illuminanti.

Misure minime

Le misure minime di un ripostiglio con pareti in muratura o cartongesso (creato ex novo), sono indicate nel Regolamento Edilizio del Comune.

Nel regolamento trovi:

  • altezza minima
  • superficie minima (a volte)
  • larghezza minima (a volte)

Esempio: nel mio Comune – in questo momento – un nuovo ripostiglio richiede un’altezza minima di 2,40 metri, con una superficie di almeno 1,50 mq.

Forse nella tua città è diverso, quindi consulta il Regolamento (disponibile online) o contatta un tecnico abilitato, come un geometra o un architetto.

Permessi

Per realizzare un nuovo ripostiglio devi richiedere una CILA (comunicazione asseverata di inizio attività). Se invece modifichi su una parete portante della casa, è necessaria una SCIA.

Mobili

Gli arredi più indicati per il ruolo di ripostigli sono gli armadi multiuso:

Disponibili in tante dimensioni, stili e configurazioni interne, consentono di riporre ogni sorta di oggetto (scope, detersivi, scarpe…) con prezzi adatti a qualsiasi budget

Nelle prossime righe parlerò soprattutto di questi arredi, perché il compito del ripostiglio è contenere e custodire (quale posto migliore di un armadio?).

Dove creare un ripostiglio in casa?

Puoi ricavare il ripostiglio in qualsiasi ambiente della casa.

Nello specifico:

  • ingresso
  • soggiorno e cucina
  • sottoscala
  • corridoio
  • mansarda
  • bagno e lavanderia
  • balcone
  • giardino

Coi mobili è abbastanza semplice, e in questo capitolo vedrai tanti esempi.

Di solito, in base all’ambiente, lo sgabuzzino è più adatto a custodire attrezzi per la pulizia, cibi, detersivi, vestiti…

#1 Ingresso

Il ripostiglio all’ingresso si può ottenere con un armadio multiuso e portatutto, ideale per giacche, borse e scarpe:

A mio avviso non esiste un’alternativa migliore. 🤷🏻‍♂️

Il mobile può essere collocato dietro la porta (se c’è spazio) o in una nicchia (a filomuro).

Vediamo invece uno sgabuzzino in muratura, posizionato in una zona giorno open-space, proprio accanto all’entrata (durata video: 19 secondi)

Lo stanzino ha una superficie di circa 1,50 mq; viene usato come angolo lavanderia e spazio per le scope.

#2 Cucina

Il ripostiglio in cucina è perfetto per la dispensa, e alcune aziende offrono soluzioni che prevedono dispense (angolari o lineari), perfettamente integrate nei mobili:

Oltre a contenere cibi e bevande, i moduli possono ospitare lavatrice, asciugatrice e accessori per la pulizia, come aspirapolvere, scopa e mocio.

Attenzione: tieni separati cibi/bevande e detersivi

#3 Sottocala

Lo spazio sotto la scala si presta a molteplici funzioni (bagno, angolo studio…) compresa quella di ripostiglio.

L’opzione migliore è chiudere il sottoscala, creando armadiature o cassettoni scorrevoli, così da ottenere dei comodi contenitori:

Cosa mettere nei contenitori? 🤔

Esigenze a parte, dipende soprattutto da struttura, altezze e posizione del sottoscala.

Ecco delle idee:

  • prodotti/accessori per la pulizia
  • scarpe, cappotti, borse…
  • giocattoli
  • dispensa
  • zona lavanderia
  • libri

L’alternativa è creare uno stanzino sotto la rampa, qualora permesso da forma e struttura della scala:

#4 Corridoio

Anche i corridoi possono ospitare un angolo ripostiglio, sempre grazie agli armadi contenitori:

Non temere: le profondità partono da appena 33-35 centimetri (pochissimo!); alcuni modelli hanno le ante scorrevoli o a libro, ideali per disimpegni piccoli e stretti.

Vediamo un esempio in muratura (durata video: 18 secondi)

Niente male!

#5 Bagno

I migliori mobili contenitori per questo ambiente, se desideri una sorta di sgabuzzino, sono le colonne:

Le larghezze partono da circa 70 centimetri, una misura studiata per sistemare lavatrice e asciugatrice (in sovrapposizione), fino ad arrivare a composizioni più grandi e complete:

Queste soluzioni sono adatte a bagni molto grandi, oppure a una stanza riservata a lavanderia-stireria che – tra le altre cose – può ospitare anche i vestiti del cambio stagionale.

#6 Mansarda

Collocare armadi di dimensioni regolari in mansarda è più difficile, perché inclinazioni e quote minime della copertura variano.

La soluzione più funzionale è l’armadio su misura:

grazie a questi mobili puoi sfruttare la parte bassa del sottotetto, una zona difficile da arredare e raggiungere – causa l’altezza ridotta – e che spesso rimane inutilizzata.

Alcuni armadi sono estraibili, con profondità fino a oltre 1 metro, altri hanno apertura a battente o ribalta:

Oltre a dimensioni e tipo di apertura, puoi scegliere la disposizione – così organizzi ogni cm – il materiale e lo stile del mobile (filomuro, con modanature…).

Lo svantaggio?

Si tratta di progetti unici e sartoriali, realizzati da artigiani e falegnamerie, quindi il prezzo è più alto, rispetto a molti armadi standard.

#7 Controsoffitto e soppalco

Un altro sistema per ottenere un ripostiglio è realizzare un controsoffitto oppure un piccolo soppalco (se l’altezza interna lo permette).

Nel caso del controsoffitto si crea un abbassamento in cartongesso, ispezionabile tramite botole o ante:

in camera da letto, questa soluzione si può sfruttare come deposito per le coperte.

Medesimo concetto per il soppalco:

parlo di piccoli soppalchi non abitabili, perché se hai tanta altezza/spazio a disposizione, conviene destinarlo ad altri usi.

Ricorda: un soppalco-ripostiglio richiede determinate caratteristiche di non fruibilità per le persone, come la piccola superficie, l’assenza di finestre e/o lucernari, l’altezza interna modesta.

#8 Balcone

Se in casa manca spazio, ripiega su balcone e terrazza.

Gli armadi destinati all’esterno sono fatti di plastica, lamiera o resina, materiali che resistono a umidità e sbalzi di temperature.

L’esempio classico è questo mobile portascope:

KETER Armadio Alto Stilo 3 Ripiani Regolabili, Grigio, 68 x 39 x 173 cm
  • KETER ORGANIZZA IL TUO SPAZIO: con armadio stilo tuttopiani dal design elegante
  • PENSATO PER: risolve i problemi per organizzare lo spazio; dotato di scaffali regolabili...

Si tratta di prodotti abbastanza resistenti, che possono ospitare di tutto (ramazze, aspirapolvere, scarpe, cesti per la raccolta differenziata…). Ne ho messi 2 in veranda – ad uso scarpiera e portascope – e fanno egregiamente il loro dovere.

#9 Giardino

I ripostigli da giardino sono casette – o armadi – fatti con gli stessi materiali dei mobili destinati ai balconi, oppure in legno:

Cosa mettere in questi mobili?

  • attrezzi da giardino
  • vasi
  • legna o pallet
  • sedie da esterno
  • il barbecue

Li trovi presso i Brico e gli outlet del giardinaggio, oppure online.

Ti interessa l’arredo da giardino? Visita lo store Amazon di Keter

#10 Bonus

L’ultima soluzione (bonus) per creare un angolo ripostiglio è la parete divisoria contenitiva, formata da moduli che appaiono come un’armadiatura:

Dentro la parete ci sono dei vani contenitori, dove riporre ciò che desideri.

Potresti usarla per separare soggiorno e cucina, riponendo nei moduli gli accessori per la pulizia, o la dispensa (è un esempio).

Conclusioni

Ora conosci i sistemi per creare un ripostiglio in casa.

Se hai domande scrivi un commento, e se l’articolo è stato di aiuto condividilo tramite i social.

Iscriviti al canale YouTube di Voglia di Ristrutturare, dove trovi pratiche guide su arredo e ristrutturazione della casa.

A presto!
Lorenzo

Lorenzo Ciancio

Autore del post e fondatore di Voglia di Ristrutturare Leggi i miei articoli