5 Semplici trucchi per ristrutturare un bagno stretto e lungo

5 Semplici trucchi per ristrutturare un bagno stretto e lungo

Devi ristrutturare un bagno stretto e lungo? Hai tra le mani la guida che stavi cercando.
In questo articolo ti farò vedere il cambiamento di un bagno minuscolo: da locale soffocante a servizio davvero utilizzabile.

I 5 trucchi che ti svelerò ti aiuteranno a trasformare il bagno di casa (lasciando a bocca aperta amici e parenti).

Sei pronto? Partiamo!

Bagno stretto e lungo? Peggio di così è impossibile!

Qualche settimana fa ricevo una telefonata.

Un simpatico signore ha visto il blog ed intende ristrutturare il bagno dell’appartamento che ha in affitto, a Padova.

Immobile di 30 mq.

Di bagni ne ho visti a centinaia, ma quello che ci siamo trovati di fronte con i ragazzi di Voglia di Ristrutturare™ forse è il più stretto di tutti.

Giudica tu stesso:

bagno-stretto-e-lungo
bagno stretto e lungo

Un fantastico locale largo addirittura 105 cm.
Praticamente un loculo.

Il problema principale di questo bagno era rappresentato dalla doccia (se possiamo definirla tale…).

Doccia a pavimento con una leggera pendenza per scaricare l’acqua.

Pendenza che, a detta dell’inquilina, non svolgeva troppo bene il suo compito.
In più di un’occasione l’acqua era arrivata in corridoio e addirittura nella camera da letto!

A peggiorare le cose c’era quella fastidiosissima tenda proprio nel bel mezzo del locale.

Che puoi fare in situazioni del genere? (quando lo spazio proprio non c’è…)

Se avrai pazienza di leggere tutto il post potrai vedere il prima-dopo di questa ristrutturazione, eseguita dai ragazzi che collaborano con Voglia di RIstrutturare™.

Alcuni dei trucchi da loro applicati sono gli stessi che ti racconto in questa guida.

Vediamoli assieme. 😉

Trucco #1: Sposta la doccia in fondo

Se una cosa è in mezzo ai piedi, non ti resta che spostarla.
Avere una “doccia” di 60 cm, in mezzo ad un bagno largo 100 cm, è solo un intralcio.

Il mio consiglio è quello di collocarla in fondo alla stanza.

In questo modo potrai utilizzare un piatto più grande (anche tutta la larghezza del locale) e quindi molto più comodo.

Adesso mi dirai che c’è l’inconveniente finestra (che in questo modo ricade nella cabina doccia).

Se l’infisso è in metallo o pvc non è un gran problema, perché sono materiali che non ti daranno noie con gli schizzi d’acqua.

Il discorso cambia se la finestra è in legno.

In questo caso devi prendere una decisione, perché con bagni troppo stretti ritengo praticamente fondamentale lo spostamento della doccia.

Tradotto: si deve scendere ad un compromesso.

Non prendo in considerazione la vasca, perché trattandosi di misure risicate non è possibile installarne una regolare.

C’è un altra cosa di cui tenere conto: la corda della tapparella.

Anche questa ricade dentro la cabina doccia ed è soggetta agli schizzi.

No problem.
La soluzione c’è e te la presenterò nel video finale. 😉

Trucco #2: tutto su un lato

La seconda parola d’ordine è…ordine.

Gli slalom lasciamoli alle piste da sci, nel locale bagno non vanno bene.

Prendi tutti i sanitari (wc, bidet, lavabo) e posizionali sulla stessa parete.

L’idea è quella di sfruttare al massimo un lato, lasciando “respirare” l’altro.

Per quanto riguarda il tipo di sanitari, valgono le linee guida di cui ho già parlato nel mio ormai celebre articolo “Come ristrutturare un bagno piccolo?” [CLICCA QUI PER RIVEDERLO]

In sostanza punta su sanitari a filo muro e su forme moderne e “arrotondate”.

I sanitari a filo muro ti garantiranno un guadagno (qualche centimetro) in profondità, mentre le forme “giuste” inganneranno l’occhio, che avrà la percezione di un arredo più “armonioso”.

Tutto chiaro? 😉

Trucco #3: cassetta interna

Diciamocela tutta: la cassetta di scarico esterna non è il massimo, a livello estetico.

Non solo.
Su un bagno di piccole dimensioni, la sua presenza “sporca” la parete che dovrebbe invece rimanere il più pulita possibile.

Sembra una sciocchezza, ma non lo è.

La fattibilità o meno di poter installare una cassetta interna va valutata durante il sopralluogo con l’impresa.

Se la parete divisoria del bagno non ha sufficiente spessore, dovrai optare per una cassetta esterna.
L’alternativa è quella di creare una paretina ad hoc, come quella che puoi vedere qui sotto:

paretina-cassetta-di-scarico-wc
Trucco #4: metti una porta scorrevole

La cara ed amata porta scorrevole ha risolto molte rogne su diverse ristrutturazioni.

A maggior ragione se il tuo bagno è stretto e ti implora di donargli un pò di spazio, che potrai utilizzare per muoverti meglio.

Al giorno d’oggi la scelta, in fatto di porte scorrevoli, è davvero ampia (sia in termini di design che di colori).

Io ti consiglio di dare un occhio al sito di una delle aziende leader del settore, ovvero Scrigno®.

Unico inconveniente della porta scorrevole: non sempre può essere installata.

Dovrai valutare questa possibilità durante il sopralluogo con l’impresa.

Ci sono alternative alla porta scorrevole?

Si, una è rappresentata dall’infisso “a libretto”.

Mi riferisco a questo:

porta-a-libretto-01
Ti dico la verità: personalmente non amo molto questa soluzione (per il bagno).

L’ho vista solo su un locale, ma il risultato visivo non era il massimo (forse anche perché il bagno era bruttino).

Trucco #5: colori giusti

E’ il mio quinto consiglio, ma non è certo l’ultimo in termini di importanza.
Anzi.

I colori comunicano molto.

Ci sono tonalità che ingannano l’occhio, “allargando” visivamente una stanza (colori freddi), ed altri che al contrario la rimpiccioliscono (colori caldi).

Anche la strategia dei colori è raccontata nell’articolo di cui parlavo qualche riga più in su, quindi ti invito a rileggerlo.

Se poi vuoi fare ulteriori considerazioni, non direttamente collegate alla ristrutturazione, ricorda che i colori hanno anche il potere di influire sull’umore…riflettici! 🙂

Bagno stretto e lungo: confronto prima-dopo i lavori

Veniamo alla trasformazione del bagno.

Come ricorderai partivamo da una situazione complicata e disperata.

Ebbene, questo è il coniglio che i ragazzi di Voglia di Ristrutturare™ hanno tirato fuori dal cilindro:

Il proprietario era sbalordito del risultato finale, e adesso (finalmente!) l’inquilina può farsi la doccia senza allagare tutto il locale.

Quali sono stati i punti chiave di questa ristrutturazione?

Prima di tutto, la doccia è stata spostata in fondo alla stanza.

Vista la larghezza del bagno (105 cm), i ragazzi hanno installato un piatto largo 100 cm (x 70 cm).

Decisamente molto più comodo per chi deve utilizzarlo!

Lo spostamento della doccia ha avuto come conseguenza lo spostamento di tutti gli altri sanitari.

In particolare lo scarico del wc è stato “tirato” verso la porta. 
Stessa cosa per bidet e lavabo.

Te l’ho spiegata in due righe, ma tutto questo va pianificato a tavolino prima di iniziare i lavori (quindi muratore ed idraulico devono avere le idee molto chiare…occhio).

Per quanto riguarda i sanitari si è puntato su quelli a terra (scelti dal proprietario) e ovviamente a filo parete (con cassetta interna).

Se ti piacciono i sanitari del video, ti lascio il link dell’azienda [CLICCA QUI].

Anche i colori hanno seguito le regole raccontate nell’articolo.

Il pavimento è un grés porcellanato (grigio chiaro), con piastrelle rettangolari posate in modo che “seguano” il lato lungo del bagno.
I rivestimenti sono di colore beige, con un cambio di tonalità (grigio chiaro in contrasto con il grigio scuro) per quanto riguarda la doccia.

E’ un sistema che serve a creare uno “stacco” visivo, definendo bene la zona della doccia.

Il vecchio termosifone è sparito, e la nicchia che lo ospitava è stata chiusa.

E’ stato invece installato un termoarredo: esattamente fuori dal box doccia.

Così facendo è possibile appendere un accappatoio (o un asciugamani) che può riscaldarsi mentre si è in doccia.

L’idraulico ha avuto anche una grande accortezza.
Ha installato la valvola del termoarredo in modo che non intralci il passaggio in alcun modo (la valvola è trasversale… se fai attenzione si vede nel video).

Qualche altra considerazione sulla ristrutturazione di questo piccolo bagno…

Il proprietario ha scelto un box doccia in acrilico opaco, ma io ti consiglio di puntare su uno con vetro trasparente. 😉

Per questioni di spazio non è stato possibile installare una porta scorrevole, ma il lavabo con profondità di 38 cm svolge egregiamente il suo compito di salva-spazio.

E la corda della tapparella?!

Quella è sparita, al suo posto è stato installato un comando elettronico che regola l’apertura e la chiusura della tapparella.

 

Le conclusioni

Ristrutturare un bagno stretto e soffocante non è affatto impossibile.
Te l’ho dimostrato in questa guida e ti ho portato come esempio un caso davvero limite (ti ricordo che la larghezza del locale era di poco più di 1 metro).

Si tratta di conoscere ed applicare alcuni semplici trucchi. 

Fondamentale è anche la pianificazione della ristrutturazione.

Molte persone rimangono deluse dai lavori svolti dall’impresa proprio perché non hanno alcun piano.

Questo significa che non si informano (prima di tutto sul lavoro da svolgere) e poi scelgono un’impresa basandosi su parametri come il prezzo preventivato o la “simpatia” dell’impresario.

Non è un il modo corretto di procedere, e se utilizzi questo sistema sappi che ti stai affidando alla fortuna.

Mi raccomando: occhio alle scelte che fai in fatto di ristrutturazioni.

A presto!
Lorenzo

P.S: Se ti interessa l’argomento “ristrutturazione del bagno”, iscriviti subito al mio canale YouTube e rimani sempre aggiornato sulle video-guide 😉

Iscriviti al canale di Voglia di Ristrutturare™: clicca qui

5 Semplici trucchi per ristrutturare un bagno stretto e lungo 2017-02-15T11:43:25+00:00 Lorenzo

16 Commenti

  • Mirella
    3 marzo 2017 16:31

    Articolo utilissimo! il mio bagno è un più largo ma ad occhio anche più lungo di quello del video.
    prenderò in considerazione i tuoi consigli!
    Mirella

    • Lorenzo
      6 marzo 2017 15:55

      Ciao Mirella!
      Grazie per i complimenti 🙂

  • Paola Temporin
    5 febbraio 2018 13:27

    Anch’io ho un bagno piccolissimo, lungo e stretto come quello descritto (il mio ha “ben” 112 cm di larghezza) e con gli stessi problemi di doccia indicati nell’articolo. I tuoi consigli sono utilissimi per iniziare a immaginare il nuovo bagno! Grazie!

    • Lorenzo
      5 febbraio 2018 21:36

      Ciao Paola! Grazie a te per il commento 🙂
      In bocca al lupo con la ristrutturazione, fammi sapere come andrà! (mi trovi anche sulla pagina Facebook)
      Lorenzo

  • antonella
    21 febbraio 2018 12:45

    Complimenti per i consigli! il mio bagno è lungo 2.280, largo 1.20, quello he hai ristrutturato tu era più lungo, vero? Non avrò la possibilità di fare la doccia…:-(

    • Lorenzo
      21 febbraio 2018 15:47

      Ciao Antonella! Grazie per i complimenti 🙂
      Se vuoi un bagno completo (lavabo, wc, bidet, doccia) non ce la fai di sicuro.
      Se hai voglia mandami una mail con qualche foto del bagno e le tue intenzioni di arredo.
      Ti farò una proposta in base allo spazio a disposizione.
      La mail è: info@vogliadiristrutturare.it

      Un abbraccio
      Lorenzo

  • Fabia Vianello
    11 marzo 2018 23:26

    Praticamente ho seguito tutti i suoi consigli con un’aggiunta e mi farebbe piacere sapere il suo parere, farò anche un controsoffitto portando l’altezza a 2.70 cm. E poi vorrei tanto sapere la parete opposta ai sanitari come l’avete trattata? Con smalto, idropittura, microtopping? Temo la formazione di muffa cosa ne pensa? Grazie mille, i suoi post sono interessantissimi!

    • Lorenzo
      14 marzo 2018 20:43

      Ciao Fabia, scusami per il ritardo nella risposta!
      Nessun problema per il controsoffitto (c’è una tipologia di cartongesso, detto idrofugo, perfetto per gli ambienti umidi).

      La parete opposta ai sanitari è pitturata con pittura lavabile e traspirante.
      Se hai timori per la muffa (spesso causata da cattive abitudini), puoi leggere l’articolo che ho scritto sull’argomento (lo trovi qui: http://bit.ly/2DMMn4a)
      In più hai a tua disposizione la rubrica youtube sull’umidità (se hai altre domande sull’argomento puoi chiedere lì e ti risponderà Stefano Pigatto, responsabile della rubrica).
      Ecco la rubrica sull’umidità: http://bit.ly/2xf3lBi

      Grazie per i complimenti e perdona l’attesa! ????
      Lorenzo

  • josue
    18 aprile 2018 18:04

    Salve
    quanto e lungo il bagno ?

    • Lorenzo
      18 aprile 2018 21:04

      Ciao,
      non ho più le misure ma era poco più di 3 metri di lunghezza.
      Sei hai dei dubbi per l’arredo del tuo bagno chiedi pure 😉
      Lorenzo

  • Pina Grieco
    1 maggio 2018 12:34

    Ciao il mio bagno è largo 1.35m e lungo quasi 3m.. vorrei metterci anche la lavatrice.. dite che ce la faccio o dovrò penalizzare la doccia?

    • Lorenzo
      1 maggio 2018 17:12

      Salve Pina: per poterti rispondere con certezza dovresti dirmi la lunghezza precisa e gli elementi che intendi installare nel bagno.
      Se vuoi puoi mandarmi un paio di foto del bagno e le misure, e ti darò una risposta precisa.
      Questa è la mail: info@vogliadiristrutturare.it
      Fammi sapere!
      Lorenzo

  • Vincenzo
    1 maggio 2018 22:05

    Articolo molto utile…avrei una domanda, so che spostare lo scarico del WC non é semplice perché il tubo ha un diametro abbastanza grande…come è stato possibile spostarlo? Perché io avrei questo problema
    Grazie

    • Lorenzo
      2 maggio 2018 15:22

      Ciao Vincenzo,
      grazie per la domanda.
      La possibilità di spostare lo scarico va sempre valutata durante il primo sopralluogo con l’impresa.
      Nel caso del video è stato spostato di qualche centimetro, quindi era fattibile.
      Sarebbe diverso se volessi spostarlo di 1 metro.
      Comunque, qualora volessi una mano per riposizionare il bagno in base a nuove esigenze, puoi scrivermi una mail a “info@vogliadiristrutturare.it” (gentilmente indicando misure del bagno, almeno una foto se possibile e nuova disposizione richiesta con la lista di tutti gli elementi da inserire).
      Intanto un saluto!
      Lorenzo

  • Valeria
    11 luglio 2018 17:14

    ciao Lorenzo. Potresti dirmi quale spessore deve avere la parete affinchè si possa realizzare lo scarico a muro? Grazie.

    • Lorenzo
      13 luglio 2018 13:41

      Ciao Valeria!
      Hai bisogno di uno spessore di almeno 10 cm.
      In alternativa puoi realizzare un muretto (perdi qualche centimetro in profondità) dedicato solo ai sanitari.
      Lorenzo

Lascia un commento

Torna su